Gamification

Gamification

 

La business unit di Officine Newton dedicata alla progettazione e sviluppo di soluzioni nel campo della gamification, delle simulazioni digitali e dei videogiochi è diretta da Francesco Lutrario responsabile del GamificationLab dell’Università la Sapienza di Roma nonché docente del dipartimento di Informatica.

L’offerta della BU gamification di Officine Newton si sviluppa su tre linee di azione:

  • Gamification di applicazioni informatiche
  • Videogiochi (inclusi serious game e edutainment)
  • Simulazioni digitali

La gamification (traducibile in italiano come “ludicizzazione”) è l’utilizzo di elementi mutuati dai giochi e delle tecniche di game design in contesti esterni ai giochi.[1] Il termine gamification è stato introdotto per la prima volta in pubblico nel febbraio 2010 da Jesse Schell, un famoso game-designer americano, alla “Dice Conference” di Las Vegas.(WIKIPEDIA)

Il limite all’utilizzo di modalità ludiche atte al coinvolgimento emotivo dell’utente è praticamente inesistente; a partire dalle proprie esperienze professionali, ed avvalendosi di un team multidisciplinare, ON ti aiuta a rendere coinvolgenti, emozionanti, ingaggianti, sfidanti le tue applicazioni, anche quelle che possono sembrarti lontanissime da questa nuova frontiera dell’informatica.

I Nostri Servizi

SYSTEM INTEGRATION

Realizziamo sistemi software customizzati a partire dalle più affermate piattaforme tecnologiche oggi in commercio, mettendo a disposizione dei Clienti le nostre capacità di innovazione e di ricerca.

PROGETTAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA

A partire dalle specifiche esigenze e da una accurata analisi del rischio supportata dalle più moderne metodologie, assembliamo le migliori risorse e apparecchiature per risolvere le problematiche dei Clienti.

GAMIFICAZIONE DEI PROCESSI

Mettiamo a disposizione dei Clienti la nostra esperienza per ricavare il massimo dall’intelligenza emotiva ei propri utenti, progettando interfacce gamificate o riorganizzando i processi intorno logiche di engagement.

Back to Top